10 cose da sapere prima di venire in vacanza in Puglia

1. Nelle masserie, quelle vere, ci sono i contadini, quelli veri, che NON ballano la Taranta.

2. La “Brasciola” non è una triste fettina di carne cotta alla griglia, ma un voluminoso e sostanzioso involtino ripieno tuffato in un mare di ragù.

3. Se il mare è mosso da un lato, ci si muove verso l’altro.

4. Il pesce si mangia crudo: le cozze, i gamberi, i polpi, le vongole, le alici, gli scampi. Il sushi? Lo abbiamo inventato noi.

5. Se avete la fortuna di essere invitati a pranzo o a cena da un pugliese, mai mai e poi mai rifiutare. Qualunque sia il vostro credo religioso o la vostra intolleranza, il mezzo chilo di pasta al forno nel piatto va accettato con sorriso e  f i n i t o….ah, ricordate la scarpetta!

6. Parlare come Lino Banfi della prim’ora non vi aiuterà a comunicare meglio con gli autoctoni.

7. Il panzerotto, tipico calzone fritto, va mangiato rigorosamente con le mani, con soffiata all’interno dopo il primo morso e risucchio finale per non far colare il ripieno (solitamente mozzarella e salsa di pomodoro a 5000 gradi).

8. Rodolfo Valentino, il primo sex symbol della storia della cinematografia mondiale, era pugliese e per la precisione di Castellaneta (TA). Dunque non sottovalutate il fascino dei “local” e se la vostra fidanzata/moglie vi comunica che vuole andare in Puglia con le amiche per un week end…andate a vedervi Lo Sceicco.

9. Non si toglie il pomodoro dalla focaccia, potreste essere rimpatriati.

10. Dalle ore 13.00 alle ore 17.00: CHIUSO PER PENNICA!